Chiamami Caitlyn- Fotografie e questioni di genere


La foto, la posa

l’idea di autorevolezza e bellezza, standard americani che sono mondiali.

Il naso perfetto le sopracciglia fin il seno!

 Donna a tutti gli effetti, con tutto il bagaglio di stereotipi e modelli irraggiungibili dettati dalla società del consumo che ci portiamo dietro.

(riflessioni per partire bene)

Nascere Bruce Jenner e avere 6 figli con tre donne, mogli, diverse, sposarne una quarta e non sentirsi ancora abbastanza. Non essere a proprio agio con se stessi in un corpo maschile che la società vuole vincente e forte. E lei è stata ed è vincente e forte, ha provato ad essere uomo e ci è riuscita con l’impegno del decatleta, ma era donna dentro e a 65 anni ha voluto cambiare. Nuova fisionomia nella speranza che si adattasse a ciò che sentiva spiritualmente.

Caitlyn Jenner profilo Twitter

Foto del profilo Twitter di Caitlyn Jenner

Nel profilo twitter scrive: “Sono così contenta dopo aver combattuto così tanto per essere me stessa. Benvenuta al mondo Caitlyn. Non vedo l’ora che la conosciate, che Mi conosciate”

Da donna a donna mi chiedo chi gliel’ha fatto fare, chirurgie e terapie ormonali, senza contare la sofferenza psicologica per adattarsi a ciò che infine ti è imposto.

Dobbiamo davvero in quanto donne, per essere noi stesse, assomigliare alla più bella delle donne?

Forse non  potremo mai essere noi stesse/stessi fino a quando non prenderemo distanza o almeno consapevolezza da modelli di fisionomia e culturali imposti.

Tornando a Caitlyn penso che non poteva che essere così: è stata Bruce, il decatleta, l’olimpionico per eccellenza. La spinta al successo deve essere stata fortissima e voler essere il migliore, anche esteticamente, non è troppo lontano dal voler eccellere in tutti gli sport e nella vita, è una forma mentis.

Bruce Jenner l'olimpionico

Bruce Jenner l’olimpionico

Ecco ho scritto queste righe, guardo il bel sorriso di Bruce e ho capito che è sempre stata donna. Geneticamente bell’uomo/ donna ha assorbito l’imprinting, ha incarnato i miti della bellezza e del successo  a cui tutte noi aspiriamo in quanto donne, e si è omologata alle aspettative a cui ogni donna è soggetta: essere belle, disponibili e forti. Essere l’immagine su una rivista patinata.

Call me Caitlyn cover on Vanity fair

La copertina di Vanity Fair

E sempre essendo donna, mi ha fatto male pensare che pur essendo bellissima e determinata, potrà essere doppiamente discriminata, come transgender e come donna.

La riguardo la foto che le ha fatto un’altra donna, Anne Leibovitz

Caitlin Jenner by Anne Leibovitz

Caitlin Jenner by Anne Leibovitz

La posa, il bianco e nero perfetto che la illumina nei punti giusti, l’idea di autorevolezza, forza e bellezza, standard americani che sono mondiali, il naso perfetto, le sopracciglia, il seno!

 

Riflettendo sulla donna  riguardo la foto e mi accorgo ora che è la copertina di una rivista (Vanity Fair) ed ecco che non è più lei, non è Caitlyn Jenner con tutto il suo vissuto, ora è un’idea, un manifesto, un’azione politica all’americana:

“Call me Caitlyn”

Here I stand, grida dalla copertina e non posso fare a meno di chiedermi e chiedervi:

“Non sembra davvero una first lady?”

(non lo sembriamo tutte?)

foto di Caitlyn Jenner

Caitlyn Jenner by Anne Leibovitz

Ps: la sua storia è stata lanciata sui social media ed è diventata un caso mediatico su twitter, qui potete seguirne i tweet: #CaitlynJenner

 

n.r: Se siete interessati all’argomento, vale la pena leggere il commento di Laverne Cox (star di Orange is the new black, lei stessa transgender) che estende la riflessione sulla difficoltà di essere transgender e di corrispondere ad uno standard di bellezza che non è per tutti [cit. dall’articolo su mashable“A year ago when my Time magazine cover came out I saw posts from many trans folks saying that I am “drop dead gorgeous” and that that doesn’t represent most trans people. (It was news to me that I am drop dead gorgeous but I’ll certainly take it),” she writes. “Now, there are many trans folks because of genetics and/or lack of material access who will never be able to embody these standards.”].

Le Foto che vedete sono state tratte dai seguenti profili twitter:

@BBCnews

@time (from Getty Images)

@mashable

Advertisements

Digitally Engaged e Sbadata per Caso: una combinazione letale ;) Digitally Engaged and Unintentionally Absentminded: a lethal combination ;-) I am into Graphic Design, Photography and Social Media

Tagged with: , , , , ,
Posted in donne, Genere, trend

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Sbadata per caso

Digitally enganged e sbadata per caso: una combinazione letale! ;-)
Unintentional absent-minded and Digitally engaged: a lethal combination ;-)

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Join 17 other followers

Instagram

There was an error retrieving images from Instagram. An attempt will be remade in a few minutes.

Follow me on Twitter
Contact me
bodigoi@hotmail.com

%d bloggers like this: